“Non morirò mai!” (Anthony Quinn)

3 giugno 2001 Questi non sono giorni come tutti gli altri. Questi sono i giorni della morte di Anthony Quinn. Se n’è andato un attore, un personaggio straordinario, l’unico in grado di impersonare con impeto travolgente e forza pressoché infinita i personaggi ‘più grandi della vita’ che, man mano, gli venivano affidati a teatro

Tecnique du coup d’ètat(Georgios Papadopulos)

17 giugno 1999 La recente scomparsa, in prigionia (all’ergastolo, dopo che la condanna a morte del 1975 era stata così commutata), dell’ex ‘colonnello’ greco e poi presidente della repubblica Georgios Papadopulos ha riportato alla memoria di tutti il celeberrimo colpo di Stato del 21 aprile 1967 (detto, appunto, ‘dei colonnelli’) con

Pol Pot

15 aprile 1998 Nell’agosto del 1997, all’improvviso – necessaria conseguenza del ‘processo sui generis’ all’epoca intentatogli dai suoi ex seguaci – il vecchio despota cambogiano Pol Pot (morto pochi mesi dopo, nell’aprile del 1998) è tornato prepotentemente all’onore delle cronache e molti editorialisti si sono esercitati sui  suoi giovanili trascorsi europei (in particolare, parigini) per cercare nelle

Rudolf Nureyev come l’ho visto io

6 gennaio 1993 Non sono certo la persona più adatta a celebrare la indubbia e indubitabile grandezza di Rudolf Nureyev nell’arte della danza nella quale, peraltro, anche da profano, quale ero e sono, lo vedevo rifulgere, unico e solo, al di là e al di fuori di ogni canone e di ogni costrizione, per ‘creare’ continuamente nuove emozioni. E’ proprio, credo, questa sua capacità di creatore che lo spingeva a essere ogni volta